domenica 10 giugno 2012

European Grand Prix - Nicosia - Risultati positivi per l'Italia

Per l’Italia 5 podi e secondo posto nel medagliere (2 ori, 1 argento, 2 bronzi) dietro la Gran Bretagna (3 ori e 1 bronzo) 


 Nelle finali individuali oro per Melotto, argento per la Tomasi e bronzo per Mandia

Conclusa con le finali individuali la 1a prova dello European Grand Prix a Nicosia (Cipro). L’Italia chiude la manifestazione con altre tre medaglie (oro, argento e bronzo), dopo l’oro a squadre maschile e il bronzo misto. Per gli azzurri il maggior numero di podi, ma è secondo posto nel medagliere (2 ori, 1 argento e 2 bronzi) dietro la Gran Bretagna che ha guadagnato 4 podi (3 ori e 1 bronzo). Terzo posto per l’Ucraina (2 ori e 2 bronzi).



ARCO OLIMPICO INDIVIDUALE MASCHILE - Dopo l’oro a squadre condiviso ieri con Massimiliano Mandia e Ilario Di Buò, l’aviere Luca Melotto oggi ha concesso il bis piazzando un altro successo nella gara individuale vincendo 7-1 sul danese Marius Laursen. Gara praticamente perfetta quella dell’azzurro, condotta con autorità e sempre in vantaggio senza mai lasciare lo spiraglio della rimonta all’avversario. Prima sessione di tiro molto equilibrata chiusa con il vantaggio 26-24. Nella seconda l’arciere di Torino approfitta dello sbandamento di Laursen e accelera mettendo cinque punti tra sé e l’avversario grazie al 25-20 finale. Saranno queste lunghezze a decidere il match perché il terzo set è straordinario per entrambi: 10-9-9 la sequenza per Melotto e Laursen, perfezione sfiorata per entrambi ma ormai per il danese è troppo tardi. Nel quarto e conclusivo gioco Melotto amministra il vantaggio chiudendo 26-24 e portandosi a casa la medaglia d’oro per 7 set a 1. Straordinaria la prestazione di Massimiliano Mandia nella finale per il bronzo che lo ha visto opposto al francese Daniel Lucas. Nei tre set l’azzurro già medaglia d’oro nella gara a squadre non è mai sceso sotto il 9. I punteggi finali 29-24, 27-26 e 29-26 per un totale di 6-0 nel conto dei set, regalano un importante bronzo e il terzo podio della giornata alla spedizione azzurra.

ARCO OLIMPICO INDIVIDUALE FEMMINILE - Non ce l’ha fatta invece la trentina, atleta dell’Aeronautica, Jessica Tomasi approdata in finale contro l’ucraina Tetyana Dorokhova. L’azzurra è rimasta in gara per tutto il match crollando solo nell’ultimo parziale con tre tiri da dimenticare (5-6-3). Partenza sprint per Jessica vicina alla perfezione e capace di chiudere 28-24 il primo parziale. L’avversaria non si è spaventata e ha continuato senza nessun exploit, per lei gara senza dieci, ma con una regolarità straordinaria che ha finito per fiaccare la Tomasi. Secondo e terzo set equilibrati ma entrambi a favore della Dorokhova (25-23 e 26-23) che riesce a portarsi a casa punti pesanti. L’azzurra riesce a limitare i danni nel terzo parziale (24-24) ma crolla nell’ultimo con tre frecce che le valgono soli 14 punti mentre dall’altra parte la Dorokhova continua la sua marcia inarrestabile con un 25. Il 7-3 finale vale l’argento per la Tomasi mentre incorona regina l’avversaria ucraina. Bronzo per l’ucraina Yavorska che batte la polacca Myszor 6-2.